IMG_0167La Dr Louise Emanuel – Consultant Child and Adolescent Psychotherapist, Child and Family Department, Tavistock Clinic, London – spiega perché  la proposta di ridurre (in Gran Bretagna n.d.t.) la ratio educatrice:bambini possa pregiudicare il sano sviluppo dei bambini.

Louise Emanuel. La vibrante denuncia di Zoe Williams, sulle pagine del Guardian dello scorso febbraio (Sat 2.2.13), che la proposta di diminuire la ratio del personale educativo per infanti e bambini sia la “peggior idea che un membro del governo abbia mai avuto”, non è priva di fondamento. Williams, la quale raccoglie la sfida di prendersi cura, ‘nell’interesse della ricerca sulle politiche pubbliche’, di sei bambini tutta da sola, descrive le sue difficoltà nell’assolvere alle loro necessità fisiche di base e mette in evidenza come, nel gruppo, il bambino che richiede meno attenzione ne riceva una quota minima, interagendo poco con gli altri bambini o con l’educatrice.

Questi bambini apparentemente ‘poco richiedenti’ possono essere un dono del cielo per le educatrici sotto pressione, ma un’attenta osservazione può rivelare un bambino che estraniandosi  da un contesto caotico utilizza l’unica strategia possibile in una situazione molto stressante, difficile da gestire e da cui è sopraffatto: allontanarsi dal contatto come una forma di autoregolazione in assenza di una cura attenta nei suoi confronti.

Le ricerche dimostrano che i bambini sotto i sei anni (n.d.t.: infant and todler nell’originale) hanno bisogno di educatrici emotivamente disponibili, capaci di rispondere alle loro comunicazioni, per avere accesso a un corretto sviluppo psicologico sociale e cognitivo. Hanno bisogno di sentire che c’è qualcuno disponibile ad aiutarli a gestire il loro disagio, sia esso causato da un pannolino sporco o da sentimenti che sopraffanno, qualcuno da cui dipendere a patto che sia in grado di sintonizzarsi con i loro bisogni e capace di contenere le emozioni rispondendo loro in modo attento e consapevole.

La riduzione del personale educativo può indurre bambini anche piccoli a trovare modi alternativi di gestire la frustrazione di attese troppo lunghe necessarie per ottenere un po’ di attenzione da parte dell’adulto da cui dipendono per le cure di cui hanno bisogno.

Possono ricorrere in modo intenso a pratiche auto consolatorie, attività ipercinetica, o sviluppare segni di autonomia precoce o ‘temprarsi’, così da evadere sentimenti di dipendenza dagli altri per ottenere la giusta gratificazione dei loro bisogni.

Questo tipo di autonomia prematura può essere incoraggiata dalle educatrici in una situazione di continua emergenza dove le cure prestate non sono sufficienti rispetto a quelle richieste; spesso questi bambini sono positivamente visti come bambini ‘più avanti’, rispetto ad altri, nello sviluppo. In ogni caso questa spinta a incoraggiare/sostenere un’eccessiva autonomia potrà avere un effetto boomerang quando questi bambini si troveranno in una situazione in cui dovranno dipendere da persone adulte, per esempio a Scuola, e dove si riveleranno inadatte le loro strategie adattive precoci: pensare/sentire di dover fare tutto da soli, gestire ogni cosa in autonomia.

Tale atteggiamento può causare problemi di apprendimento poiché essi sviluppano uno stato di ansia in situazioni di dipendenza da figure adulte, in questo caso i propri insegnanti. Quando nel processo di apprendimento è introdotto un nuovo concetto o un nuovo compito questi bambini tendono a diventare distruttivi, perdono la concentrazione o entrano in competizione con l’insegnante.

Mentre sosteniamo la scelta di innalzare il livello di preparazione delle educatrici della prima infanzia, vorremmo che ciò non avvenisse a scapito della ratio educatrice:bambino poiché ciò potrebbe avere effetti deleteri sullo sviluppo a lungo termine.

Il ministro deve elaborare un piano migliore!

La Dr Louise Emanuel è responsabile dei corsi per il conseguimento del Diploma post-laurea/ Master in Infant Mental Health (M9) alla Tavistock Clinic: www.tavistockandportman.nhs.uk or lemanuel@tavi-port.nhs.uk

Tags: Policy and PoliticsChild Development